Risultati immagini per immagine u benardu

U BENARDU
LA STORIA

U Benardu  era molto diffuso in passato, quando il mais era parte integrante dell'alimentazione locale. Il nome di questo dolce é riferito a Bernardo, un tempo molto diffuso. Il nostro concittadino Luigino Maccario nel libro "l'alimentazione intemelia e la sua storia" lo definisce una "pandolce con polenta" e lo fa risalire al XVI secolo. Era tipico della gastronomia ventimigliese, come conferma l'utilizzo del finocchino, un tempo molto diffuso e dell'olio d'oliva. 


LA PREPARAZIONE de "U BENARDU"

PREPARAZIONE di 6 BENARDI del peso complessivo di 1 Kg circa

 

INGREDIENTI e DOSI:

- grammi 250 di farina tipo 00;

-      "       250 di polenta a grana fine;

-      "         50 di zucchero;

-      "       125 di zibibbo;

-      "         25 di lievito di birra;

-      "         60 di olio extra vergine di oliva (mezzo bicchiere);

- 2 cucchiai di semi di finocchio;

- 2 pizziconi di sale fino.    

LA PREPARAZIONE ed il CONFEZIONAMENTO:

- In una spianatoia sistemare la farina, lo zucchero, il sale ed il lievito.

- Fate sciogliere il lievito in acqua calda.

- Impastare il tutto con acqua calda aggiungendo la polenta, l'olio, il finocchio e l'uva
  zibibbo dopo averla messa in ammollo in acqua calda e successiivamente
  sgocciolata

- Mettere in ammollo un'ora prima in acqua calda per 20 minuti e sgocciolarlo.

- L'impasto, ben amalgamato e piuttosto consistente, deve assumere la forma di un
  panetto rotondo.

- Coprire con un canovaccio e lasciare riposare per 20 minuti in un ambiente caldo.

- Tagliare il panetto in 6 pani uguali formando, di ogni pezzo, un filoncino a due punte
  (14/15 cm).

- Con una asticella di legno incavare in cinque parti la superficie di ogni filoncino in
  modo da ottenere sei gobbette.

- Spennellare lasuperficie con olio e sistemarli una teglia con carta forno.

- Lasciare lievitare per 45 minuti in ambiente caldo, poi cuocere in forno preriscaldato a
  180 gradi per 30/35 minuti (i benardi devono prendere un colore dorato)

 

IL PRODOTTO DEVE ESSERE CONSUMATO IN 2/3 GIORNI PER CONSERVARE TUTTA LA SUA FRAGRANZA. 


 
 
 
La preparazione e la pubblicazione delle pagine di questo sito sono curate dal Tesoriere e Webmaster del CIRCOLO della CASTAGNOLA di VENTIMIGLIA Italo CASTELLI. Ogni segnalazione potrà essere inviata all'indirizzo mail del "circolodellacastagnoladiventimiglia@aruba.it" o personalmente al webmaster "castelli.italo@gmail.com"
  Site Map